Arcangela Felice Assunta Wertmüller von Elgg Spanol von Braueich è una regista e sceneggiatrice italiana, nota con il nome di Lina Wertmüller. A diciassette anni si iscrive all'Accademia Teatrale di Roma diretta da Pietro Sharoff, in seguito, per alcuni anni, è animatrice e regista degli spettacoli dei burattini di Maria Signorelli. Successivamente collabora con celebri registi teatrali, tra i quali Guido Salvini, Giorgio De Lullo e Garinei e Giovannini. Lavora sia per la radio sia per la televisione, e in veste di autrice e regista alla prima edizione della celebre trasmissione Canzonissima e a Il giornalino di Gian Burrasca, serie televisiva-musical, con Rita Pavone protagonista maschile. Inizia una lunga solidarietà artistica con Enrico Job, apprezzato scenografo teatrale con il quale presto si sposò. Assistente alla regia in E Napoli canta del 1953 (che segnò l'esordio sul grande schermo anche di Virna Lisi), fu aiutante e attrice di Federico Fellini nelle pellicole La dolce vita (1960) e 8½ di due anni più tardi. Il suo esordio come regista avvenne nel 1963 con I basilischi, amara e grottesca narrazione della vita di alcuni poveri amici del sud, che le valse la Vela d'argento al Festival di Locarno. Nella seconda metà degli anni sessanta nacque la sua collaborazione con l'attore Giancarlo Giannini, che fu presente nei suoi grandi successi Mimì metallurgico ferito nell'onore del 1972, Film d'amore e d'anarchia, ovvero stamattina alle 10 in Via dei Fiori nella nota casa di tolleranza del 1973, Travolti da un insolito destino nell'azzurro mare d'agosto del 1974, Pasqualino Settebellezze del 1976, La fine del mondo nel nostro solito letto in una notte piena di pioggia e Fatto di sangue fra due uomini per causa di una vedova...si sospettano moventi politici, entrambi del 1978. Per Pasqualino Settebellezze, che ebbe successo anche negli Stati Uniti, la Wertmüller fu candidata a tre Premi Oscar nella cerimonia del 1977 (tra cui quello per la miglior regia) mentre una quarta nomination arrivò a Giancarlo Giannini per la sua interpretazione del protagonista. Il 1983 è l'anno di Scherzo del destino in agguato dietro l'angolo come un brigante da strada, film che affronta con leggerezza e coraggio il tema del terrorismo (è ambientato negli anni di piombo), raccontando il guasto dell'apertura degli sportelli di un'auto blu con il ministro dell'interno (Gastone Moschin) bloccato all'interno e un deputato (Ugo Tognazzi) che cerca di trarne vantaggio facendo spingere l'auto nel proprio garage. Nel 1986 la prima delle sue rare incursioni nel teatro lirico con la regia della Carmen di Georges Bizet che inaugurò la Stagione lirica 1986-87 del Teatro di San Carlo di Napoli, rappresentazione che venne ripresa in diretta su Raiuno. Nel 1997 ha invece diretto una Bohème all'Opera di Atene. Ha invece scritto copioni e fatto diverse regie teatrali, dal primo Due più due non fa più quattro (1968, per la regia di Franco Zeffirelli) a L'esibizionista (1994), da Gino, Ginetta e gli altri (1995) a Lasciami andare madre (dal libro di Helga Schneider, con Roberto Herlitzka che recita la parte della vecchia madre). Nel 1992 diresse Io speriamo che me la cavo con Paolo Villaggio, mentre nel 1996 tornò alla satira politica con Metalmeccanico e parrucchiera in un turbine di sesso e politica, con Tullio Solenghi e Veronica Pivetti come i nuovi Giannini-Melato. Dopo la ricostruzione storica Ferdinando e Carolina del 1999, la Wertmüller tornò dietro la macchina da presa con la fiction Francesca e Nunziata (2001, con Sophia Loren e Claudia Gerini) e il film Peperoni ripieni e pesci in faccia (2004, sempre con la Loren protagonista), che però, nonostante le proteste della regista, ebbe scarsa distribuzione nelle sale un paio d'anni dopo. Il successivo Mannaggia alla miseria (2008, con Gabriella Pession e Sergio Assisi) viene pertanto trasmesso direttamente in prima serata su Raiuno il 2 giugno 2010. Nello stesso anno le viene conferito il David di Donatello alla carriera.

Con Cristina Comencini, Roberta Torre e Francesca Archibugi si è cimentata nella realizzazione delle fotografie per la mostra “Volti di donna”. Le immagini e i racconti delle quattro registe, sono state raccolte nel volume “Volti di donna”, edito da Edicolors, iniziativa promossa da Dove a sostegno di Telefono Donna, per dar voce alle donne che vivono in situazioni di disagio. Le quattro protagoniste del cinema italiano celebrano le donne, la loro bellezza e il loro mondo con quattro sguardi diversi alla scoperta della femminilità.

 

 

 

Condividi questo articolo

Cerca

Le novità

NUOVE USCITE...

 

 

 

 

Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter per essere sempre aggiornato sulle ultime uscite Edicolors!
Questa newsletter è una soluzione semplicissima per essere sempre aggiornati sulle novità per bambini e ragazzi.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione "Cookies Policy"